Una brutta Gioielleria Mancini cade con la Laurenziana

Una brutta Gioielleria Mancini cade con la Laurenziana

I ciabattini accedono per il secondo anno consecutivo si quarto di finale di Coppa Toscana e affrontano al Palamattioli la temibile Laurenziana Firenze, vecchia conoscenza dei monsummanesi affrontata nella stagione 2015-2016 quando le due formazioni militavano nel campionato Promozione.

La Gioielleria Mancini si presenta alla sfida non al meglio della condizione priva dell’infortunato Navicelli, reduce da una botta all’anca rimediata nella sfida contro Viareggio, Luciano febbricitante e Mignanelli presente solo per onor di firma a causa di un ginocchio dolorante.

Il primo canestro della serata è di Giusti subito imitato da Mendico. Inizio partita in cui le difese la fanno da padrone e dopo 4’ minuti il punteggio è sul 6-5 a favore dei padroni di casa. Giusti riporta in vantaggio i blu amaranto ma è un batti e ribatti. Al 6’ Bellini da il nuovo vantaggio con una bomba da tre ma i ciabattini sono gravati oltremodo dai falli e la Laurenziana capitalizza dalla lunetta. Una bomba del 18 da il +4 ai fiorentini ma Soriani è Bellini impattano. Firenze allunga ancora sul +6 ed è L’allungo decisivo che chiude il quarto sul 20-14.

Il secondo quarto inizia con una bella schiacciata di Soriani su assist di Testa ma una bomba di Mendico sulla sirena da il +7 ai fiorentini poi una bomba di Carcasci da il +10. Gli arbitri salgono in cattedra e al 15’ sono 9 i falli fischiati a favore dei fiorentini e solo 2 quelli fischiati ai fiorentini a cui si aggiunge un tecnico alla panchina monsummanese punita appunto per le proteste sulla disparità del metro arbitrale. Firenze vola a +12 ma  nonostante tutto Monsummano rimane aggrappata alla partita e con una bomba di Tesi si riporta a -7 all’8’ minuto. Le squadre vanno al riposo lungo sul 35-28.

Bellini colpisce per il -5 in apertura terzo quarto ma Firenze risponde colpo su colpo. Si segna con il contagocce e dopo 4 minuti sono appena due canestri segnati dalle squadre nel quarto. Firenze torna a +11 mentre Monsummano sembra aver smarrito la via del canestro. Calderaro e Bellini riportano a -6 lo svantaggio ma Carcasci ricaccia indietro i monsummanesi. Maccione a segno poi Giusti per il -5. Monsummano spreca troppi palloni e Firenze torna a +9. Gli arbitri decretano anche l’espulsione di Ciervo dopo che lo stesso aveva subito una gomitata al volto e Firenze chiude il quarto a +11 (52-41).

Calderaro da tre apre l’ultimo quarto poi Giusti riporta Monsummano a -6 ma è l’ultima fiammata blu-amaranto, Firenze che torna a +11 a 3’ dalla fine. La partita scorre via senza più sussulti ad eccezione dell’esordio di Bornati, classe 2002, in prima squadra.

"Ho visto una squadra unita lottare fino in fondo, e vederlo già in preseason è un bel punto da cui partire - commenta coach Matteoni a fine partita -  Ora dobbiamo affinare le collaborazioni offensive e ridurre il numero di palloni persi.”


Laurenziana Firenze                         68

Gioielleria Mancini Shoemakers     53

Parziali: 20-14; 35-28; 52-41

Laurenziana Firenze: Mendico 10, Colombini ne, Sestini ne, Bardini 6, Scolari 2, Bitossi 9, Bigi 10, De Peverelli, Ciacci 4, Pini 13, Carcasci 14, Marinai. All.: Calamai

Gioielleria Mancini Shoemakers: Barneschi 2, Ciervo, Maccione 4, Bornati, Tesi 10, Bellini 14, Soriani 6, Giusti 12, Mignanelli ne, Martelli, Testa, Calderaro 5. All.: Matteoni


Condividi:

Post Recenti