Ancora sconfitti gli Shoemakers

Ancora sconfitti gli Shoemakers

Continua il periodo nero per gli Shoemakers, che perdono la 3° partita nelle ultime 4 sfide, stavolta contro un avversario non proprio temibile come Calenzano, squadra che naviga nei bassofondi della classifica.

Ennesima sconfitta che brucia, per come è maturata, con gli Shoemakers quasi sempre avanti, giocando con sufficienza, fino agli ultimi minuti in cui la squadra si è sciolta lasciando per strada i due punti.

Calenzano aggredisce da subito gli Shoemakers e la loro energia permette di andare subito avanti per 11-4, con i termali poco lucidi e confusionari che trovano il canestro grazie ai piazzati di Neri, nei primi minuti e poco altro.

I padroni di casa pressano e aumentano l'intensità e a Monsummano occorrono 5 minuti buoni per iniziare a giocare a basket.

Nel secondo quarto il controparziale firmato da Breschi e Cartacci, che sfruttando l'irruenza dei padroni di casa vanno spesso in lunetta, segnando con ottime % dalla linea della carità.

Il gioco comunque latita, anche se con il passaggio a zona di Calenzano la manovra degli Shoemakers diventa più fluida e Diolaiuti colpisce da dietro le linee in avvicinamento.

Nel terzo periodo gli Shoemakers continuano a riscontrare problemi in attacco, la palla circola poco e i l'attacco è stagnante, ma i ciabattini riescono sempre a mantenere un paio di possessi di vantaggio.

Calenzano attacca la zona degli ospiti non risultati alterni, ma riesce a prendere molti, troppi, rimbalzi offensivi che producono secondi se non terzi possessi che gli permettono di rimanere a galla e poi nel quarto periodo impattare.

Nell'ultimo periodo il metro arbitrale poi cambia, Calenzano per tre quarti va in bonus dopo 4 minuti ma nell'ultimo periodo l'arbitro ingoia il fischietto e con alcune decisioni poco felici, a meno di un minuto dalla fine fischia 2 falli tecnici ai monsummanesi permettendo ai padroni di casa di andare avanti prima di un possesso poi di 7 punti.

Ma il vero problema degli Shoemakers non è l'arbitraggio, che ha inciso in minima parte nel risultato finale, ma la scarsa capacità di lettura della partita, e la poco lucidità dimostrata in difesa e in attacco che ha contribuito in maniera determinante alla sconfitta.

Condividi:

Post Recenti